ISTRUZIONE:
ottobre 1995 – ottobre 1998
Dottore di Ricerca in Ingegneria Sismica presso Dipartimento di Ingegneria Strutturale del Politecnico di Milano, Italia
Titolo conseguito il giorno 11 Febbraio 1999
Titolo della tesi: “Inelastic Force and Displacement Spectra for Modern Seismic Design and Assessment and Methods of Assessment”;

Collaborazione in progetti finanziati dalla comunità europea quali ICONS e NODISASTR, entrando a far parte del team di mobilità dei giovani ricercatori. Per questo motivo, parte del dottorato è stato speso presso l’Imperial College di Londra

Ha acquisito:
– Esperienza nell’analisi non lineare di strutture soggette a carico sismico, utilizzando numerosi codici agli elementi finiti, commerciali o sviluppati da istituti di ricerca;
– Esperienza nella programmazione di elementi finiti e modelli costitutivi non lineari dei materiali;
– Conoscenze in teoria della probabilità;
– Esperienza nel trattamento probabilistico dei risultati di analisi non lineari condotte con modelli semplificati a partire da molti accelerogrammi al fine di cogliere e quantificare le incertezze legate all’input sismico.

settembre 1989 – luglio 1995
Ingegnere ad indirizzo strutturale con votazione di 110/110 e lode, Università degli Studi di Brescia, Italia
Titolo conseguito il giorno 11 Luglio 1995

Ha manifestato spiccato interesse nei temi dell’ingegneria strutturale, pianificando gli studi in modo da conseguire una eccellente preparazione nel campo della dinamica delle strutture e della modellazione agli elementi finiti.
Completa il corso di laurea con una tesi che ha previsto lo sviluppo di un codice agli elementi finiti per l’analisi non lineare di strutture soggette ad azione dinamica, implementando leggi costitutive mirate alla modellazione del comportamento del calcestruzzo e dell’acciaio.

POSIZIONE ATTUALE:
Lavoratore Dipendente con ruolo di Primo Ricercatore presso EUCENTRE – centro europeo di formazione e ricerca in ingegneria sismica – Via Ferrata 1, 27100 Pavia.
Coordinatrice della Sezione Vulnerabilità e Gestione Territoriale

PRECEDENTI POSIZIONI LAVORATIVE:
SETTEMBRE 2004 – AD OGGI
PRIMO RICERCATORE PRESSO EUCENTRE, PAVIA, ITALIA

Barbara Borzi è Primo Ricercatore ad Eucentre da maggio 2008. Si è trasferita ad Eucentre nel settembre 2004 dopo aver trascorso un lungo periodo all’estero ed è attualmente responsabile della Sezione Rischio Sismico.
E’ coinvolta di numerosi progetti ai quali Eucentre sta partecipando. Alcuni esempi sono riportati nel seguito:

– Attività di Ricerca: Definizione di metodi meccanici per la valutazione della vulnerabilità sismica su scala urbana di edifici in muratura ed in CA. Barbara Borzi è il primo autore di articoli pubblicati nella letteratura tecnica che presentano il metodo SP-BELA;
– Attività di Ricerca: Modellazione agli elementi finiti di terreni ed opera geotecniche con il codice di calcolo DYNAFLOW, un codice agli elementi finiti atto a descrivere nel dettaglio il comportamento non lineare dei depositi di terreno;
– Attività di Ricerca: Definizione di curve di capacità (pushover) mediante approcci semplificati atti a permettere l’analisi di grandi dataset di edifici con un onere computazionale ragionevole. Barbara Borzi ha intrapreso un completo esercizio di validazione dei metodi per la valutazione della curva di capacità. Tali metodi sono stati utilizzati per la definizione di parametri caratteristici del comportamento strutturale da utilizzare in modelli probabilistici per la valutazione del comportamento sismico delle strutture esistenti;
– Attività di Ricerca: Valutazione del progressivo danneggiamento di strutture sottoposte a sciame sismico per la realizzazione di scenari di danno e rischio sismico utilizzando la pericolosità a breve termine;
– Importo € 360.000: Capo progetto di un progetto mirato alla valutazione della vulnerabilità sismica degli ospedali in regione Lombardia. I risultati dello studio sono stati mostrati mediante l’implementazione in una tool bar in ambiente GIS (Geographical Interface System). I risultati dello studio di vulnerabilità sono stati utilizzati per lo sviluppo di una metodologia costi-benefici mirata alla valutazione delle priorità di intervento sulla base dei fondi regionali disponibili dedicati alla riduzione del rischio sismico. Il progetto è iniziato a Gennaio 2005 ed è stato completato a Luglio 2006;
– Importo € 48.500: Definizione della distribuzione di probabilità dei parametri caratteristici del comportamento strutturale degli edifici tipici della realtà del costruito in Italia per Risk Management Solutions (RMS). Il progetto è iniziato a Luglio 2006 e si è concluso a Ottobre 2006;
– Importo € 461.800: Capo progetto di un progetto mirato alla valutazione del rischio sismico di una vasta area che ospita stabilimenti petrolchimici (Priolo Gargallo) per conto della Prefettura di Siracusa. Sono stati intrapresi studi mirati alla valutazione: della vulnerabilità di strutture ed infrastrutture, della pericolosità e degli effetti di amplificazione locale. I risultati di questi studi verranno combinati per definire il rischio sismico dell’area. Un metodo con tre livelli di dettaglio è stato adottato per identificare le strutture verso le quali è necessario indirizzare i fondi disponibili per la verifica e l’eventuale adeguamento sismico. Il progetto è iniziato a Gennaio 2007 e si è concluso a Gennaio 2009;
– Importo € 605.167 €: Capo progetto di un progetto mirato alla “Stesura e Riordino delle Normative Regionali in Materia di Legislazione Sismica Definizione di Procedure Informatiche e Stesura di Documenti Normativi per il Riordino degli Enti Regionali Operanti nel Settore Edilizio e di Gestione del Territorio”. In tale progetto è stato sviluppato il sistema SI-ERC (Sistema Informatico – Edilizia Regione Calabria) per la denuncia e trasmissione delle pratiche edilizie per via telematica e il sistema SI-TERC (Sistema Informatico – TErritoriale Regione Calabria) per denuncia e trasmissione dei risultati degli studi di microzonazione. In tale progetto sono anche state prodotte delle linee guida per la verifica degli edifici esistenti e delle linee guida di microzonazione sismica che la Regione ha adottato per i recenti studi di microzonazione appaltati. Il progetto è iniziato a Marzo 2008 e si è concluso a Giugno 2009;
– Importo € 206.167: Capo progetto di un progetto mirato alla “Pianificazione di Corsi di Formazione e Aggiornamento in Materia di Ingegneria Sismica”. Ha coordinato l’attività di formazione dei tecnici professionisti e dei tecnici regionali chiamati all’utilizzo dei sistemi informatici SI-ERC e SI-TERC. Il progetto è iniziato a Giugno 2009 e si è concluso a Marzo 2010;
– Importo € 188.056: Capo progetto di un progetto mirato alla “Valutazione e Riduzione del Rischio Sismico delle Strutture e Infrastrutture della Regione Calabria ad Interesse Strategico”. Il progetto è iniziato a Giugno 2009 ed è in corso di svolgimento;
– Importo € 336.000 per il 2010-2011 e € 240.000 per il 2012: Capo progetto di un progetto di affiancamento, il primo e il secondo rispettivamente di una convenzione con la Regione Calabria. Il primo progetto è stato attivo dal 15 Novembre 2011 e si è concluso il 31 Dicembre 2011. Il secondo è attualmente in corso e copre l’annualità 2012. Tali progetti hanno previsto periodi di permanenza continuativa presso gli uffici tecnici calabresi;
– Importo 102.000 € con due ulteriori integrazione di 55.000 € e 20.000 €: Coordinatrice in qualità di capo progetto la fornitura del sistema informatico SIS (Sistema Informatico Sismica) nel corso di un contratto attivo da Dicembre 2009 con la Regione Emilia Romagna nell’ambito del quale è stato fornito il modulo per la gestione informatica delle pratiche edilizie. Il modulo gestionale è stato collaudato a ottobre 2011. E’ attualmente in corso l’elaborazione di un pacchetto controlli mirati ad edifici identificati come a “bassa vulnerabilità” e per i quali i controlli elettronici diverranno l’unico strumento per l’istruttoria che avverrà senza l’impiego di risorse umane. Tale pacchettò ha un valore di ulteriori 50.000 €;
– Importo 97.500 €: Coordinatrice in qualità di capo progetto di un progetto attivo dal 12 Settembre 2011per l’acquisizione del sistema informatico GIPE (Gestione Informatica Pratiche Edilizie) da parte della Provincia Autonoma di Trento. E’ prevista la consegna di GIPE personalizzato alle esigenze amministrative della Provincia al 31 dicembre 2012;
– Importo 529.800 €: Coordinatrice in qualità di capo progetto di un progetto di un progetto finanzioato dal Dipartimento di Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri (DPC) con la finalità di definire il rischio sismico degli edifici residenziali italiani. Il progetto è stato attivato in febbraio 2009 e completato in dicembre 2013. Durante il progetto 2 applicazioni WebGIS sono state sviluppate al fine di visulizzare le mappe di rischio e definire in tempo reale lo scenario di danno dei comuni nell’intorno dell’epicentro in caso di accadimento di un terremoto. Una estensione di 1 anno per il valore di 130.000 €, è attiva per la manutenzione delle piattaforme e per ulteriori calibrazioni delle metodologie di valutazione della vulnerabilità al fine di migliorare le valutazioni di scenario in tempo reale;
– Importo 391.800 €: Coordinatrice in qualità di capo progetto di un progetto di un progetto finanzioato dal Dipartimento di Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri (DPC) finalizzato a definire le priorità di intervento per la mitigazione del rischio sismico di edifici scolastici. Il progetto è stato attivato in febbraio 2009 e completato in dicembre 2013. Durante il progetto è stata implementata una piattaforma WebGIS che interfaccia i dati disponibili da censimenti condotti sull’edilizia scolastica e mostra le mappe di rischio sismico degli stessi. Una ulteriore piattaforma è in fase di sviluppo con la finalità di monitorare gli interventi di adeguamento e miglioramento sismico degli edifici scolastici condotti con co-finanziamento del DPC. Una estensione di 1 anno per il valore di 90.000 €, per la manutenzione delle piattaforme WebGIS inserendo nuovi dati al fine delle valutazioni di rischio sismico e scenario di danno. Si sottolinea inoltre che la piattaforma di monitoraggio degli interventi è in produzione;
– Importo 1.647.000 €: Coordinatrice in qualità di capo progetto di un progetto di un progetto finanzioato dal Dipartimento di Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri (DPC) finalizzato alla definizione del rischio sismico del sistema viabilistico. Il progetto è stato attivato in febbraio 2009 e completato in dicembre 2013. Durante il progetto è stata sviluppata una piattaforma WebGIS per definire le criticità in termini di rischio sismico delle infrastrutture lungo il sistema viabilisitco e per identificare il percoso più sicuro da fare seguire ai mezzi di soccorso nell’ipotesi di accadimento di un terremoto. Il sistema è basato su un database contenente informazioni di carattere strutturale che, in funzione del livello di consocenza del ponte associa con il corrispondente grado di affidabilità la vulnerabilità delle infrastrutture. Per i ponti noti nel dettaglio vengono condotte dettagliate analisi dinamiche non lineari. Una estensione di 1 anno del valore di 250.000 €, per incrementare la base dati che ne primo anno era strettamente limitata a dati ANAS e a dati riguardanti le provinciali della provincia autonoma di Trento. In tempi successivi sono stati processati anche i dati di Società Autostrade. Infine, il rischio sismico relativo alla frane che incombono sul sistema viabilistico è stato preso in considerazione. Nel caso di accadimento di un terremoto, la piattaforma è stata abilitata ad inserire le osservazioni di danno al fine di aggiornare le valutazioni di vulnerabilità;
– Importo 80.000 €: Coordinatrice in qualità di capo progetto di un progetto di un progetto finanzioato dal Dipartimento di Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri (DPC) finalizzato alla costruzione di un database georeferenziato dei dati di danno osservato durante terremoti passati;
– Importo 100.000 €: Coordinatrice in qualità di capo progetto di un progetto di un progetto finanzioato dal Dipartimento di Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri (DPC) finalizzato alla implementazione di una piataforma WebGIS per il monitoraggio e la gestione dei dati sul miglioramento sismico degli edifici residenziali;

– Partner in progetti fondati dalla Comunità europea quali:
. FP7-INCO-2011-6 – SASPARM Support Action for Strengthening Palestinian-administrated Areas capabilities for Seismic Risk Mitigation
. FP7-INFRA-2010-1.1.27 – NERA “Network of European Research Infrastructures for Earthquake Risk Assessment and Mitigation”
. PON01_02366 – STRIT “Strumenti e Tecnologie per la gestione del Rischio delle Infrastrutture di Trasporto”
. PON04a2_A – PRISMA “Piattaforme cloud Interoperabili per smart government”
. DG ECO 2013 – ECOSTRESS “Ecological COastal Strategies and Tools for Resilient European SocietieS”

MARZO 2002 – AGOSTO 2004
INGEGNERE SENIOR PRESSO WTI GMBH, JÜLICH, GERMANIA

Barbara Borzi ha lavorato presso WTI come senior engineer. Le principali attività che hanno visto coinvolta Barbara Borzi sono: analisi meccaniche e termodinamiche agli elementi finiti di dispositivi meccanici.
I principali progetti svolti sono:

– Analisi semplificate agli elementi finiti di un edificio sede di un reattore nucleare con un annesso per il decommissionamento. Le analisi sono state intraprese con il codice di calcolo ANSYS;
– Modellazione dell’impatto di contenitori di materiale radioattivo su piastre rivestite con calcestruzzi speciali (assorbenti) per l’attenuazione degli urti. La principale richiesta del progetto è stata la modellazione del comportamento non lineare dei calcestruzzi assorbenti. I risultati delle analisi numeriche condotte con LS-DYNA sono stati validati mediante il confronto con dati sperimentali.
– Analisi di contenitori di materiale radioattivo simulando la caduta degli stessi con diverso angolo di inclinazione su supporti montati su camion e treni. Le analisi agli elementi finiti sono state condotte con LS-DYNA. I camion e i treni sono stati modellati nel dettaglio anche se il fine delle analisi era la valutazione degli sforzi prodotti nei contenitori a seguito di un impatto, in modo da valutare i rischi legati al trasporto dei suddetti contenitori;
– Studio della decelerazione e degli sforzi associati su barre di materiale radioattivo, stoccate in contenitori che possono eventualmente cadere sulla pavimentazione stradale durante il trasporto. Analisi agli elementi finiti e calcoli semplificati sono stati intrapresi al fine di fornire al cliente un range di possibili sforzi sulle barre. Un risultato in termini deterministici non era significativo in queste condizioni in quanto ci sono numerose incertezze legate al comportamento delle barre;
– Modellazione del comportamento di contenitori di materiale radioattivi che cadono sul suolo. E’ stato modellato il comportamento non lineare dei depositi di terreno. I risultati delle analisi sono stati validati mediante confronto con risultati di indagini sperimentali;
– Analisi statica equivalente di un contenitore per materiale radioattivo soggetto a forze corrispondenti alla decelerazione che il contenitore subisce a seguito di un eventuale impatto. Anche analisi termiche dello stesso contenitore soggetto a temperature elevate a seguito di incendio sono state condotte. Per le sopraccitate analisi è stato utilizzato il codice di calcolo ANSYS;
– Analisi di contenitori stoccati in una pila soggetti ad azioni sismiche. I contenitori sono stati modellati come corpi elastici ed elementi di contatto sono stati posti sull’interfaccia fra contenitori e contenitori e fondazione al fine di modellare le forze di compressione e di attrito fra un corpo e l’altro. Il codice di calcolo ANSYS è stato utilizzato per condurre le sopraccitate analisi;
– Analisi statiche equivalenti condotte con il codice di calcolo ANSYS di un graticcio di supporto per barre di materiale radioattivo. Il graticcio è realizzato in lastre di alluminio che si intersecano ortogonalmente per mezzo di intagli di alloggiamento realizzati nei fogli di alluminio. Le barre di materiale radioattivo sono alloggiate nei volumi prismatici che derivano dall’intersezione dei fogli di alluminio. Infine, i fogli di alluminio sono alloggiati in blocchi di alluminio perimetrali. L’intersezione fra I fogli di alluminio, le barre di acciaio e i blocchi esterni non possono essere modellate mediante vincoli rigidi e, pertanto, sono stati utilizzati opportuni elementi di contatto;
– Analisi di impatto di velivoli su strutture che alloggiano reattori nucleari. Tali analisi sono state condotte con il codice di calcolo LS-DYNA.

NOVEMBRE 1999 – FEBBRAIO 2002
INGEGNERE SENIOR PRESSO ABS CONSULTANCY, WARRINGTON HEAD OFFICE, UK

Barbara Borzi ha lavorato per EQE International (attualmente ABS Consultancy) nell’ufficio principale della compagnia in Warrington coprendo la posizione di senior engineer. Ha partecipato a progetti finanziati da clienti commerciali e clienti della industria del nucleare. E’ stata coinvolta nella scrittura di proposte, attività di marketing, sviluppo di software per analisi non lineare e di procedure per processare in maniera automatica i risultati delle analisi agli elementi finiti. Il datore di lavoro ha particolarmente apprezzato l’esperienza di Barbara Borzi nel campo della modellazione del comportamento non lineare di strutture soggette ad azione dinamica è le ha affidato la posizione di Tecnical Leader della sezione di analisi strutturale.
Ha anche condotto attività business in Italia per ABS Consultancy su vari progetti che vedevano coinvolte società di consulenza italiane.
I principali progetti ai quali Barbara Borzi ha partecipato sono:

– Sviluppo di software per modelli costi-benefici finalizzati a valutare l’opportunità di ridurre il rischio sismico di edifici di diverse tipologie;
– Valutazione probabilistica della capacità strutturale;
– Adeguamento sismico degli edifici di una casa farmaceutica siti in Egitto;
– Controllo di calcoli e definizione di linee guida per la valutazione e l’adeguamento di edifici industriali colpiti e danneggiati dal terremoto di Koaceli (Turchia) del 17 Agosto 1999;
– Valutazione di un ponte che corre parallelo ad una opera di approdo marino. Nella definizione della risposta attesa dalla struttura, è stato preso in considerazione il comportamento non lineare degli elementi in CA;
– Valutazione del comportamento sismico di gru site nei porti marini;
– Controllo dei calcoli per la valutazione del comportamento sismico di un edificio in acciaio e una struttura interrata in CA siti in Corlu, Turchia;
– Valutazione del comportamento sismico di impianti;
– Valutazione della vulnerabilità di edifici ad impianti industriali in Giappone;
– Analisi agli elementi finiti finalizzata alla definizione del comportamento sismico di un impianto di drenaggio di una opera di approdo marino. Per le analisi è stato utilizzato il codice di calcolo ABAQUS;
– Controllo delle analisi agli elementi finiti finalizzate alla definizione del comportamento sismico di edifici ed impianti investiti da una esplosione;
– Implementazione di un tool per la modellazione del comportamento non lineare di elementi strutturali in CA (come ad esempio travi e pilastri). Il sopraccitato tool utilizza ABAQUS per le analisi agli elementi finiti. Il tool è mirato alla valutazione della curva di capacità (pushover) di strutture in CA. Il tool è stato estensivamente validato mediante il confronto dei risultati delle analisi con; risultati di altri codici di calcolo sviluppati dal gruppo di ricerca dell’Imperial College e risultati di analisi sperimentali condotte su singoli elementi strutturali e/o su intere strutture;
– Sviluppo di software per l’analisi dinamica non lineare di strutture in CA;
– Valutazione del comportamento sismico di due edifici in CA situati in prossimità di un opera di approdo marino. La metodologia di analisi era mirata alla definizione del comportamento atteso mediante analisi statiche non lineari (pushover) condotte con ABAQUS;
– Analisi agli elementi finiti di edifici di un parco nucleare. Il fine di tale studio è stato la definizione del comportamento sismico di edifici soggetti ad elevate accelerazioni verticali. Analisi dinamiche non lineari sono state condotte utilizzando il codice di calcolo ABAQUS;
– Analisi statiche non lineari condotte con il codice di calcolo ABAQUS di telai portanti di tre edifici danneggiati durante il terremoto del 17 Agosto 1999 di Koaceli (Turchia). Sono stati quantificati i benefici della misura di adeguamento suggerita ai fini di migliorare il comportamento sismico degli edifici;
– Valutazione del comportamento sismico di un edificio in muratura. Per l’edificio è stata definita, mediante una analisi agli elementi finiti intrapresa con il codice di calcolo ABAQUS, la curva di capacità. Per l’esecuzione di tale analisi è stato sviluppato un macroelemento in grado di rappresentare i possibili meccanismi di collasso che si attivano nei pannelli murari. Il modello dell’edificio è stato creato mediante il pre-processore IDEAS. Uno studio di sensitività è stato condotto per identificare l’influenza delle varie ipotesi di comportamento dei pannelli di muratura;
– Analisi agli elementi finiti di edifici ed impianti di un parco nucleare. Il modello agli elementi finiti degli edifici è stato creato utilizzando IDEAS, mentre le analisi sono state condotte con il codice di calcolo ABAQUS. Sono state intraprese analisi modali, con spettro di risposta e dinamiche (time history). Barbara Borzi ha sviluppato un post-processore delle analisi agli elementi finiti al fine di condurre in maniera automatica la verifica in accordo con i codici sismici adottati dalla industria nucleare in modo automatico. Il risultato del post-processore è stato visualizzato plottando nel modello ad elementi finiti gli elementi che soddisfano oppure no i requisiti imposti dal codice sismico con colori diversi. Altre procedure sono state implementate per la definizione degli spettri di risposta secondari, cioè valutati ai vari piani degli edifici, da utilizzare per la valutazione della adeguatezza degli impianti a pavimento;
– Analisi agli elementi finiti di telai in acciaio condotte con ANSYS;
– Definizione del rischio sismico di stabilimenti petrolchimici siti nel Regno Unito.

PUBBLICAZIONI:
Borzi B., Elnashai A.S. [1998], “Inelastic Spectra and Ductility Damping Relationships for Displacement-Based Seismic Design”, ESEE Report No. 98-4 (Imperial College-Politecnico di Milano joint report), 157 pp

Faccioli E., Tolis S.V., Borzi B., Elnashai A.S., Bommer J.J. [1998], “Recent Developments in the Definition of the Design Seismic Action in Europe”, 11th European Conference on Earthquake Engineering, Paris 1998

Borzi B. [1998], “Design Spectra Based on Inelastic Response”, Doctorate Thesis, December 1998, 290 pp.

Faccioli E., Pessina V., Calvi G.M., Borzi B. [1999], “A study of Damage Scenarios for Residential Buildings in Catania City”, Journal of Seismology (Special Issue), Vol. 3, N. 3, pp 327-343

Borzi B., Elnashai A.S. [2000], “Refined Force Reduction Factor for Seismic Design”, Journal of Engineering Structures, Vol. 22, pp 1244-1260

Borzi B., Calvi G.M., Elnashai A.S., Faccioli E., Bommer J.J. [2000] “Inelastic Spectra for Displacement-Based Seismic Design”, Journal of Soil Dynamics and Earthquake Engineering, Vol. 21, pp. 47-61

Borzi B., Elnashai A.S. [2000], “Assessment of Inelastic Response of Buildings Using a Displacement and Force Approach”, Journal of Tall Buildings, Vol. 9, pp 251-277

Borzi B., Hasson M.V., Morrison A.J.T.M., Sanderson D.J. [2000], “Push-Over Analysis of RC Structures”, 14th ABAQUS UK User Group Conference, Warrington 2000

Borzi B., Sanderson D.J., Thurlbeck S., Wong S. [2002], “Non-Linear Analysis of RC Structures with ABAQUS”, 12th European Conference of Earthquake Engineering, London 2002

Elnashai A.S., Borzi B., Vlachos S. [2004], “Deformation-Based Vulnerability Function for RC Bridges”, Journal of Structural Engineering and Mechanics, Vol. 17, No. 2, pp. 215-244

Borzi B., Pinho R., Crowley H. [2007], “Simplified Pushover-Based Vulnerability Analysis for Large Scale Assessment of RC Buildings”, Engineering Structures, Vol. 30, No. 3, pp. 804-820

Borzi B., Crowley H., Pinho R. [2007], “SP-BELA: Un metodo meccanico per la definizione della vulnerabilità basato su analisi pushover semplificate”, Proceedings of XII Convegno L’Ingegneria Sismica in Italia ANIDIS, Pisa (Italy) 2007

Borzi B., Dall’Ara A., Lai C.G., Strobbia C., Ferrini M. [2007], “Dynamic–Compatible Pseudo-Static Analysis of a Natural Slope”, Proceedings of XII Convegno L’Ingegneria Sismica in Italia ANIDIS, Pisa (Italy) 2007

Crowley H., Borzi B., Pinho R., Colombi M., Onida M. [2008], “Comparison of DBELA and SP-BELA: Two Analytical Vulnerability Assessment Methodologies”, Advances in Civil Engineering, Article ID 438379, 19 pp

Colombi M., Borzi B., Crowley H., Onida M., Meroni F., Pinho R. [2008], “Deriving Vulnerability Curves with Italian Earthquake Damage Data”, Bulletin of Earthquake Engineering, Vol.6 , No. 3, pp. 485-504

Borzi B., Crowley H., Pinho R. [2008], “Simplified Pushover-Based Earthquake Loss Assessment (SP-BELA) Method for Masonry Buildings”, International Journal of Architectural Heritage, Vol. 2, No. 4, pp. 353-376

Borzi B., Crowley H., Pinho R. [2008], “The Influence of Infill Panels on Vulnerability Curves for RC Buildings”, Proceeding of 14th World Conference on Earthquake Engineering, Bejing 2008

Bolognini D., Borzi B., Pinho R. [2008], “Simplified Pushover-Based Vulnerability Analysis of Traditional Italian RC Precast Structures”, Proceeding of 14th World Conference on Earthquake Engineering, Bejing 2008

Borzi B., Pola D., Vona M., Pinho R., Masi A. [2008], “An Extensive Validation Exercise on Simplifies Methods for the Seismic Performance Evaluation on RC Frame Building” Proceeding of 14th World Conference on Earthquake Engineering, Bejing 2008

Fiorini E., Onida M., Borzi B., Pacor F., Luzi L., Meletti C., D’Amico V., Marzorati S., Ameri G. [2008], “Microzonation study for an industrial site in southern Italy”, Proceeding of 14th World Conference on Earthquake Engineering, Bejing 2008

Crowley H., Colombi M., Borzi B., Faravelli M., Onida M., Lopez M., Polli D., Meroni F., Pinho R. [2009], “Comparison of seismic risk maps for Italy”, Bulletin of Earthquake Engineering, Vol. 7, 149-180

Borzi B., Dell’Acqua F., Faravelli M., Gamba P., Lisini G., Onida M., Polli D. [2009], “Studio di vulnerabilità di una vasta area industriale mediante immagini telerilevate da satellite”, Progettazione sismica, No. 2, 105-117

Borzi B., Masi A., Pinho R., Pola D. and Vona M. [2009], “Seismic performance evaluation of RC frame buildings based on simplified and nonlinear dynamic analyses”, Submitted to Advances in Civil Engineering, Hindawi Publishing Corporation

Borzi B., Ceresa P., Lopez M., Magni F., Bianchi F. [2009], “Metodo semplificato per la definizione della curva di Pushover di edifici in ca a telaio”, Atti del XIII Convegno ANIDIS, L’Ingegneria Sismica in Italia, No. Paper S2.3., Bologna 2009

Colombi M., Crowley H., Di Capua G., Peppoloni S., Borzi B., Pinho R., Calvi G.M. [2010], “Mappe di rischio sismico a scala nazionale con dati aggiornati sulla pericolosità sismica di base e locale”, Progettazione Sismica, No. 1, pp. 93-112.

Fiorini E., Onida M., Borzi B., Faravelli M., Pagano M. [2010], “Definizione delle priorità di intervento per scuole italiane: un applicazione webgis per il rischio sismico”, Atti del 28° Convegno Nazionale GNGTS, Prato.

Borzi B., Dell’Acqua F., Faravelli M., Gamba P., Lisini G., Onida M., Polli D. [2011], “Vulnerability study on a large industrial area using satellite remotely sensed images”, Bulletin of Earthquake Engineering 2011, No. 9, pp. 675-690.

Borzi B., Ceresa P., Faravelli M., Fiorini E., Onida M. [2011], “Definition of a prioritization procedure for structural retrofitting of Italian school buildings”, Proceedings of COMPDYN 2011, Corfù, Paper N. 302.

Borzi B., Ceresa P., Faravelli M., Fiorini E., Onida M. [2011], “Applicazione del metodo meccanico SP-BELA alla definizione di rischio sismico e scenari di danno del patrimonio edilizio italiano”, Atti del XIV Convegno L’Ingegneria Sismica in Italia ANIDIS 2011, Bari, Paper N. 802.

Borzi B., Ceresa P., Faravelli M., Fiorini E., Onida M. [2011], “Nuove mappe di rischio e scenari di danno del territorio nazionale: risultati e confronti con gli studi precedenti”, Atti del XIV Convegno L’Ingegneria Sismica in Italia ANIDIS 2011, Bari, Paper N. 803.

Borzi B., Di Meo A., Faravelli M., Fiorini E., Onida M. [2011], “Definizione di una procedura di prioritizzazione per interventi di mitigazione del rischio degli edifici scolastici”, Atti del XIV Convegno L’Ingegneria Sismica in Italia ANIDIS 2011, Bari, Paper N. 793.

Borzi B., Di Meo A., Faravelli M., Fiorini E., Onida M. [2011], “Mappe di rischio sismico e scenario per gli edifici scolastici italiani”, Atti del XIV Convegno L’Ingegneria Sismica in Italia ANIDIS 2011, Bari, Paper N. 794.

Ceresa P., Marziali L., Borzi B. [2011], “Progettazione simulata di ponti esistenti in CA per una valutazione della loro vulnerabilità sismica”, Atti del XIV Convegno L’Ingegneria Sismica in Italia ANIDIS 2011, Bari, Paper N. 936.

Onida M., Borzi B., Noto F. [2011], “Applicazione di un metodo meccanico per la definizione del rischio sismico dei ponti: piattaforma GIS e reperimento dati”, Atti del XIV Convegno L’Ingegneria Sismica in Italia ANIDIS 2011, Bari, Paper N. 1133.

Fiorini E., Borzi B., Iaccino R. [2012], “Real Time damage scenario: case study for the L’Aquila Earthquake”, 15WCEE, Paper N. 3707

Borzi B., Ceresa P., Faravelli M., Onida M. [2012], “Vulnerability study of steel storage tanks in a large industrial area of Sicily”, 15WCEE, Paper N. 4137

Ceresa P., Fiorini E., Borzi B. [2012], “Effects of the seismic input variability on the seismic risk assessment of the RC bridges”,15WCEE, Paper N. 5414

Miglietta P., Borzi B., Ceresa P., Iaccino R. [2012], “Accounting for progressive damage in large scale seismic risk assessment of RC buildings”, 15WCEE, Paper N. 5173

Ceresa P., Borzi B., Noto F., Onida M. [2012],, “Application of a probabilistic mechanics-based methodology for the seismic risk assessment of the Italian RC bridges”,15WCEE, Paper N. 5102

WordPress Appliance - Powered by TurnKey Linux